storia illustrata delleconomia in toscanaPresentazione del libro: “Storia illustrata dell’economia in Toscana”.Oggi al Salone Internazionale del LIbro, ore 15.30 -Stand Toscana.Stefano Piperno, IRES Piemonte con StefanoCasini Benvenuti, curatore del volume e Direttore di IRPET, illustra il volume con. In collaborazione con Pacini Editore.
Il panorama amato e ammirato da chi abita e visita la Toscana non è frutto della natura e del caso, ma soprattutto del disegno dell’uomo. Dall’Ottocento in poi sono state le attività economiche, agricole, estrattive e manifatturiere a determinare i cambiamenti più vistosi nelle città e nelle campagne toscane. Il volume ricostruisce la storia economica della Toscana tra Otto e Novecento ed è una guida per capire il modello di sviluppo che ha indirizzato imprenditori ed enti locali e nazionali nel periodo dell’industrializzazione e quanto questo modello abbia mutato la struttura del territorio e della società. Gli autori, docenti di economia, storia economica e storia del pensiero economico, illustrano il moltiplicarsi delle industrie grandi e piccole, lo specializzarsi delle coltivazioni, il razionalizzarsi dei flussi di merci e di persone fino a delineare un quadro completo della forza innovativa e dirompente dell’imprenditorialità toscana lungo i secoli nella sua stratificazione nel paesaggio urbano e agricolo.

IMG 20170518 130230 1Percorso di aggiornamento per facilitatore linguistico in Piemonte: MediatoOggi il progetto, giunto alla sua quinta edizione, ha dato l'avvio ad un percorso sperimentale di aggiornamento rivolto a 80 facilitatori linguistici operativi nell’ambito dell’accoglienza dei richiedenti asilo in Piemonte.
Il ciclo di incontri vuole fornire al facilitatore linguistico gli strumenti necessari per acquisire e affinare le sue competenze e migliorare la qualità degli interventi che presta aiutandolo a diventare consapevole e responsabile del ruolo che riveste.
I temi che verranno affrontati: il lessico professionale, la terminologia giuridica, le nozioni base di diritto dell’immigrazione, la conoscenza del sistema di presa in carico dei richiedenti asilo, vittime di tratta e MSNA, la conoscenza dei servizi e delle reti istituzionali e non da attivare, il ruolo della mediazione interculturale.
I destinatari del percorso di aggiornamento sono stati selezionati con l'aiuto dei referenti dei centri di accoglienza (CAS e SPRAR) tra i facilitatori linguistici già attivi presso le strutture di accoglienza. I requisiti richiesti sono stati: maggior età, buon livello di conoscenza della lingua italiana (minimo B1).
Mediato è un progetto dell' IRES Piemonte in partenariato con l’Associazione Multietnica dei Mediatori Interculturali (A.M.M.I.), l’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione (A.S.G.I.) il Comitato Collaborazione Medica (C.C.M.) ed è sostenuto dalla Compagnia di San Paolo
La formazione si articola in quattro incontri che si terranno presso la
Sala Conferenze, dell’Istituto di Ricerche Economico-Sociali del Piemonte (IRES)
Via Nizza 18, Torino, dalle 10 alle 13:
18 maggio 2017
“Nozioni di base della procedura di Protezione Internazionale – I parte”
Docente: Eleonora Vilardi, Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione – ASGI
25 maggio 2017
“La salute dei migranti: orientamento ai servizi sanitari in Piemonte”
Docente: Alessia Montanari, Commitato Collaborazione Medica (CCM)
1 giugno 2017
“Nozioni di base della procedura di Protezione Internazionale – II parte”
Docente: Alessandra D’Angelo, Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione – ASGI
8 giugno 2017
“Il ruolo della mediazione interculturale nel progetto migratorio dello straniero” – Associazione Multietnica dei Mediatori Interculturali (A.M.M.I.)
Docenti: Rhana Nahas, mediatrice interculturale Ospedale Regina Margherita e Molinette
Gu Ai Lian, presidente dell’Associazione socio-culturale italo-cinese Zhi Song

In seguito alla partecipazione al percorso, ogni partecipante riceverà un certificato di frequenza
Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

greenaappverfbAlcotra App Ver: Apprendere per produrre verde Con il kick of meeting del 3 e 4 maggio ha preso avvio il Progetto transfrontaliero: l’obiettivo generale è di qualificare l’offerta educativa e formativa dell’area transfrontaliera per adeguarla alle trasformazioni sociali ed economiche nel campo della green e circular economy.Capofila del progetto è la Città Metropolitana di Torino che si avvale di IRES Piemonte quale soggetto attuatore per la produzione di studi e modelli di lavoro di valore transfrontaliero. I partner italiani sono la Città di Pinerolo e il Consorzio Formazione Innovazione Qualità. Il partner francese è il GIP FIPAN, organismo di interesse pubblico strumentale per l’Académie di Nizza. Tra i principali stakeholder italiani: la Regione Piemonte e il MIUR – Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte.Il progetto si svilupperà, nella sua fase sperimentale, con 15 istituti scolastici e 4 agenzie di formazione professionale italiani e francesi; dovrà produrre ricadute negli altri poli scolastici della Città Metropolitana di Torino e del Dipartimento delle Alpi Marittime e ricadute nei sistemi scolastici e della formazione professionale italiani e francesi,nell'ambito del Protocollo d'Intesa "La regione Piemonte per la green education" della Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio della Regione Piemonte nell'ambito. Coinvolgerà inoltre il Ministero dell’Ambiente, associazioni di categoria, ordini professionali, fondazioni, associazioni, poli di innovazione. 

agricolturaeclimabisDi quale conoscenza ha bisogno l’innovazione? L’agricoltura è una bella impresaSeminarioSabato 13 maggio 2017, dalle 9,00 alle 13,00- Asti -Istituto tecnico Agrario G. Penna • località Viatosto- Asti. Interviene S. Aimone, ricercatore Ires

innovazionepaInnovazione nella Pubblica Amministrazione:innovare, valutare, partecipare. 11 Maggio 2017 - ore 10.00 Sala Conferenze IRES Piemonte - Via Nizza, 18 - Torino. L'innovazione dell'amministrazione pubblica: esperienze e casi, risultati e limiti, discussi in una prospettiva futura della P.A.Come migliorare l’integrazione e la produttività del sistema amministrativo, superare sprechi e sovrapposizioni, valutare l’innovazione e le performance dell’organizzazione amministrativa promuovendo anche la partecipazione dei lavoratori e dei cittadini?
Ne discutono, tra gli altri, Michele Petrelli Segretario Generale Regione Piemonte, Marco Sisti Direttore Ires Piemonte, Domenico Carrieri Presidente AISRI.
Il seminario si concluderà con una tavola rotonda cui parteciperanno il Ministro Maria Anna MADIA e il Presidente della Regione Piemonte.