La logistica sanitaria comprende molteplici aspetti delle attività di un ospedale o di un distretto sanitario a partire dai fornitori di prodotti sino al paziente. Nella sua componente esterna, comunemente chiamata macro logistica (dai fornitori al magazzino), essa si collega agli approvvigionamenti; nella componente interna, o micro logistica, coinvolge molte figure cliniche quali farmacisti, infermieri e indirettamente anche i medici. Sempre più negli anni le aziende sanitarie vengono sollecitate ad alzare i loro standard qualitativi e tecnologici, ma d’altro canto si richiede anche di ridurre i costi. Questo determina una scelta sempre più difficile sull’applicazione del giusto trade-off tra innovazione e sostenibilità economica.

Si rendono quindi necessarie delle trasformazioni non solo nei processi di diagnosi e cura, ma anche nei servizi di supporto, tra i quali la logistica intesa come l’insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nell’azienda i flussi di materiali e delle relative informazioni dalle origini (presso i fornitori) fino alla consegna dei prodotti (al paziente).

In regione Piemonte con delibera del Consiglio regionale del 21 giugno 2016, n. 146 – 21860 avente ad oggetto: “L’Approvazione del programma annuale di ricerca 2016 dell’Istituto di Ricerche Sociali del Piemonte” sono previsti cinque interventi che riguardano la riorganizzazione logistica:

  • Riorganizzazione della rete logistica sanitaria piemontese: verifica dello stato di avanzamento dell’integrazione delle reti logistiche aziendali e valutazione dei diversi modelli organizzativi applicati.
  • Realizzazione di un’anagrafica unifica regionale: l’adozione di una uniformità di linguaggio è determinante ai fini della controllabilità dei prodotti e dell’appropriatezza dell’utilizzo. Il repertorio unico regionale rappresenta uno strumento indispensabile per il governo della spesa sanitaria, razionalizzando gli acquisti da parte del Sistema Sanitario Nazionale, attraverso la semplificazione dei processi, la definizione dei prezzi di riferimento e il monitoraggio della spesa. In particolare Ires offre il proprio supporto alla definizione delle regole semantiche univoche.
  • Analisi della micro logistica sanitaria: rilevazione a livello regionale degli strumenti e dei metodi utilizzati nell’ambito della micro logistica e valutazione della loro convenienza economica, mediante un confronto effettuato a campione.
  • Creazione di un database per la corretta prescrizione delle protesi di base con i vari ausili: costituzione di un nomenclatore degli articoli protesici in uso nelle ASR piemontesi. L’adozione di tale nomenclatore permetterà di rendere più agevole ed efficiente la scelta delle protesi da parte degli operatori e di giungere ad una razionalizzazione della spesa.
  • Logistica dei laboratori analisi, dei centri trasfusionali e delle anatomie patologiche: analisi del funzionamento della rete dei laboratori analisi, dei centri trasfusionali e delle anatomie patologiche delle ASR piemontesi e delle possibili razionalizzazioni. Le attività svolte consentiranno di offrire ai decisori regionali indicazioni su possibili strategie di razionalizzazione e di riduzione della spesa.
Progetti

Riorganizzazione della rete logistica sanitaria piemontese

Realizzazione di un’anagrafica unifica regionale

Analisi della micro logistica sanitaria

Creazione di un database per la corretta prescrizione delle protesi di base con i vari ausili

Logistica dei laboratori analisi, dei centri trasfusionali e delle anatomie patologiche